gesuiti

Gesuiti
Provincia Euro-mediterranea

Il
Fondo Librario Antico in Italia

 

home page

il progetto di recupero e valorizzazione
accedi all'OPAC
accedi alla teca digitale

In sintesi

 Il Fondo librario antico in Italia della Provincia Euro-Mediterranea si è costituito a seguito di taluni movimenti di carattere organizzativo, pastorale, caritativo ed educativo che, negli ultimi decenni, hanno interessato le Case religiose, le Scuole teologiche, gli Istituti e Seminari gesuitici determinandone trasferimenti e, in taluni casi, anche la chiusura e quindi la necessità di trasportare altrove i beni ivi esistenti. Tra questi si annoverava quasi sempre una biblioteca con raccolte più o meno vaste di libri antichi.  In conseguenza di questi movimenti e di queste trasformazioni decine di migliaia di libri nel corso degli anni sono stati trasferiti in luoghi capaci di accoglierli finendo per costituire quattro ingenti depositi di libri antichi, uno a Gallarate, presso l’Istituto Aloysianum, il secondo a Roma presso la Curia generale, il terzo a Napoli presso la Comunità ‘Gesù Nuovo’, il quarto a Palermo presso la Biblioteca del Gonzaga Campus.

La concentrazione in quattro diverse città dei libri provenienti dalla chiusura delle Case rispettivamente nel Nord, Centro e Sud d’Italia ha realizzato di fatto quattro distinti depositi librari che, attraverso il progetto di recupero e di valorizzazione, si è voluto qualificare come un unitario “Fondo librario antico” che, considerando solo i libri pubblicati entro il 1830, ammonta attualmente ad oltre  100.000 unità. Il catalogo è tuttora in fase di crescita in considerazione del fatto che l'afflusso di libri antichi nelle suddette quattro sedi non è terminato. Un tale patrimonio di libri antichi, con la presenza di incunaboli e numerosissime cinquecentine, è di assoluto rilievo e costituisce un insieme straordinario paragonabile ai fondi antichi delle grandi biblioteche storiche; rappresenta cioè un fatto di grande importanza culturale e, per le sue caratteristiche intrinseche, di singolare significato storico e documentale.

Questo ingente e prezioso patrimonio è fruibile attraverso il catalogo informatizzato. Una parte  di questo materiale, selezionato sulla base del genere letterario costituito principalmente dalle opere che trattano dei Gesuiti e della storia della Compagnia di Gesù, ma anche selezionato sulla scorta della rarità e della pregevolezza di taluni cimeli, è stato digitalizzato.


per informazioni e segnalazioni inerenti il progetto, il catalogo e la teca digitale: gaetano.colli@gmail.com